Invictus Gaming i nuovi campioni del mondo di League of Legends

league of legends

Sono gli Invictus Gaming ad aver trionfato ai Mondiali 2018 di League of Legends. Fnatic sconfortanti a tratti assenti in questa serie terminata 3 a 0 in favore del team cinese. Inutile girarci intorno o tentare di addolcire questa pillola amara, da parte dei Fnatic non c’è stata partita. I primi due match interamente a senso unico in favore degli Invictus Gaming, il terzo con qualche guizzo di gioco da parte del team inglese, ma con lo stesso risultato ottenuto dei primi due.

Se inizialmente il dominare del team cinese può sembrare il loro tradizionale modo di giocare, c’è stato un eccezionale passo in avanti dell’intera visione e controllo del gioco. I campioni degli scrim -partite di prova/allenamento delle squadre competitive, tra team competitivi- sono riusciti a imporsi anche sul palco, dove la vittoria conta. Inoltre sono stati aggiunti ulteriori fattori di non poca importanza. Le match la squadra cinese, ha saputo accaparrarsi qualche pick importante, contrastando le corsie dei Fnatic.
La preferenza delle lane su cui mirare, indubbiamente precisa, e le skill dei giocatori hanno solo adornato il tutto.

I Fnatic giù di tono

“I Fnatic non hanno giocato.” Questa è solo una delle frasi che si possono leggere in giro nelle varie community e sebbene si possa capire il disappunto, non è vera. I Fnatic hanno giocato, eccome se hanno giocato. In tutte i match è stata proprio la frivolezza del team inglese a consentire la loro disfatta. Nei primi due match non sono riusciti a supportare degnamente la lane messa in difficoltà dal team cinese (centrale nel primo, superiore nel secondo). Le rotazioni, in risposta a quelle degli Invictus Gaming, sono state lente e le stesse scelte dei giocatori e della strategia di gioco sono state fatte sottovalutando gli avversari.
Solo durate il terzo match si è potuto osservare qualche momento di gioia dei Fnatic, come lo steal del Baron. Ma le problematiche esposte precedentemente sono rimaste e la sconfitta non ci ha messo molto ad arrivare.

La vittoria degli Invictus Gaming è stata più che meritata. Sono riusciti a prevedere e procedere in funzione dei loro nemici senza lasciar loro il margine di manovra da cui traggono le loro vittorie.
Va detto anche però che il secondo posto è un nuovo traguardo superato per il team europeo, da quando sono entrate a far parte della competizione Cina e Corea. C’è ancora parecchio margine di crescita, per ogni team qualificatosi alle semifinali. Ora che anche la Corea è stata fatta fuori, tutti possono aspirare al titolo più ambito e rappresentativo della categoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.